PER UNA CONSAPEVOLE ESPOSIZIONE AL SOLE

26 novembre 2014

In questo periodo a ridosso delle vacanze estive , si moltiplicano le iniziative per mettere in guardia contro i danni dovuti all’esposizione ai raggi solari.

Dobbiamo innanzitutto ricordare che la luce solare è utile al nostro organismo sia perché stimola la produzione della vitamina D che come è noto è utile per favorire l’assorbimento nell’intestino del calcio che introduciamo con gli alimenti, e sia perché ci aiuta a curare alcune patologie della pelle come la psoriasi e la dermatite atopica.

Il danno dei raggi solari è dovuto ad una esposizione incontrollata senza le opportune precauzioni .

A tal proposito è utile ricordare che:

  •   oltre il 50% dei raggi ultravioletti presenti nelle radiazioni solari sono emessi tra le ore 11,00 e le ore 14,00
  •   Quando il cielo è nuvoloso oltre il 90% dei raggi ultravioletti riesce a passare ed il 70% raggiunge la pelle.
  •   All’ombra si riceve il 50% dei raggi ultravioletti (UV)
  •   Chi lavora al chiuso riceve 1/5 – 1/10 dei raggi UV rispetto a chi lavora all’aperto
  •   La sabbia riflette il 25% delle radiazioni UV
  •   Il 95% dei raggi UV penetra nell’acqua ed il 40% scende fino a 50 cm

Le radiazioni solari vengono in gran parte filtrate dall’atmosfera terrestre e quelle che riescono ad oltrepassarla sono di tre tipi:

1)      La luce visibile ad occhio nudo( lunghezza d’onda di 400-800 nm)

2)      Raggi ultravioletti UVB e UVA( 200-390 nm )

3)      Raggi infrarossi (oltre 800 nm )

A)     Gli UVB hanno soprattutto effetti sugli strati più superficiali della pelle (epidermide) intervenendo sulla densità, maturazione, metabolismo , morfologia delle cellule della cute con danni che possono anche portare alla formazione di tumori

B)     Gli UVA penetrano più in profondità nella cute raggiungendo il derma con conseguente danno all’acido ialuronico , alle fibre collagene ed alle fibre elastiche con conseguente accelerazione dei processi di invecchiamento cutaneo (photoageing). Si ha inoltre la formazione di radicali liberi in grande quantità con conseguente ulteriore danneggiamento delle strutture cellulari.

PREVENZIONE

  •   Limitare la durata delle esposizioni al sole nelle prime giornate di vacanza: la pelle va abituata gradualmente soprattutto se è chiara con lentiggini
  •   Non esporsi tra le ore 11.00 e le ore 15.00. Ore in cui i raggi ultravioletti sono più intensi.
  •   Proteggere gli occhi con occhiali da sole e coprirsi con magliette quando l’intensità dei raggi solari è particolarmente elevata
  •   Utilizzare sempre prodotti di protezione solare che si potranno trovare in commercio come crema, emulsione, latte, stick, spray . In linea generale è bene utilizzare una protezione massima (SPF 50+) per il viso, collo, decolleté e dorso delle mani ed SPF 30 per il corpo. Da ricordare che in alta montagna ed ai tropici è necessaria una foto protezione maggiore.
  •   Chi svolge attività sportive al sole deve applicare i filtri solari con maggiore frequenza: la sudorazione, infatti, favorisce l’allontanamento dalla pelle dei prodotti solari. In ogni caso conviene riapplicare spesso la crema solare soprattutto dopo il bagno
  •   Poiché l’esposizione solare favorisce la formazione dei radicali liberi, può essere utile assumere con la dieta antiossidanti come le vitamine C, E, beta-carotene, zinco, selenio, acido lipoico, resveratrolo a partire da un mese prima dell’esposizione

 

COSA FARE QUANDO SONO COMPARSE RUGHE E RILASSAMENTO CUTANEO DA FOTOINVECCHIAMENTO ?

La finalità dell’intervento del Medico di Medicina Estetica o del Dermatologo sarà quella di ripristinare ciò che l’età e la luce solare hanno danneggiato per cui il trattamento principale sarà quello di iniettare acido ialuronico sia per rivitalizzare la pelle con trattamenti di una seduta al mese per tre mesi e poi una di mantenimento ogni 3-4 mesi e sia utilizzando i cosiddetti fillers che sono dei riempitivi sempre a base di acido ialuronico, sostanza ampiamente presente nel corpo umano . Tali trattamenti ambulatoriali di rapida esecuzione e praticamente indolori grazie alla presenza di anestetici locali all’interno del prodotto iniettato, favoriranno una evidente riduzione delle rughe, aumento di volume di zone rilassate del viso, aumento di volume e/o tonificazione delle labbra

Altro trattamento complementare all’impianto di acido ialuronico è la Luce Pulsata nell’ambito del foto ringiovanimento con la finalità di stimolare i fibroblasti presenti nel derma favorendo una neo-sintesi di acido ialuronico dall’interno. La Luce Pulsata opera quindi un’azione di rassodamento della pelle oltre a ridurre anche le macchie scure .

La Tossina botulinica esplica una incisiva azione nel rilassare il muscolo che sta sotto la ruga la cui azione determina il raggrinzimento della pelle. Le rughe a “zampa di gallina”, quelle orizzontali della fronte, le glabellari tra le sopracciglia e sul  dorso del naso vengono quindi trattate in modo efficace tramite l’infiltrazione di piccole quantità di botulino.

La multi-micro-stimolazione alveolare effettuata tramite una recente apparecchiatura chiamata Icoone favorisce in modo piacevole un efficace  linfodrenaggio nel caso di edema delle palpebre, del viso e del collo determinando anche , nella stessa seduta, un’efficace stimolazione meccanica dei fibroblasti del derma con conseguente “sveglia” della pelle a produrre per proprio conto più acido ialuronico e collagene con conseguente rassodamento e tonificazione dei tessuti.

 

Igiene cosmetologica quotidiana

I trattamenti di Medicina Estetica per il ringiovanimento della pelle e dei tessuti, troveranno un prezioso alleato dall’uso di cosmetici giusti per il personale tipo di pelle che verrà diagnosticato tramite un check up assolutamente indolore e della durata di circa un’ora. La corretta igiene cosmetologica quotidiana rappresenta infatti una importante abitudine per mantenere in buono stato la propria pelle e per prepararla al meglio per gli eventuali trattamenti ambulatoriali di Medicina Estetica.